Studio Barale - Dal 1946, Consulenti di Direzione
Studio Barale - Dal 1946, Consulenti di Direzione

Per uscire dalla crisi...

...la la sola esperienza del passato non basta più: governare l'impresa con la sola esperienza potrebbe addirittura costituire ostacolo allo sviluppo e persino minacciare la sopravvivenza dell'azienda.

Bisogna imparare a prevedere gli eventi per anticipare le decisioni, perché il mondo... va in fretta.
E, per prevedere, bisogna imparare a scoprire e sfruttare le informazioni che in ogni azienda ci sono sempre. Perché oggi nessun imprenditore deve correre il rischio di fare scelte sbagliate.

HomeConsulenza OrganizzazioneCrisi e Risanamento


COMPRENDERE LE CAUSE DELLA CRISI

Molteplici fattori, sia interni ed esterni all'impresa, spesso concomitanti, possono causare difficoltà, compromettendone l'equilibrio economico-finanziario.
Tali fattori, se non individuati per tempo, possono minacciare la stessa sopravvivenza dell'impresa.

Generalmente, il Management comincia a rendersi conto delle difficoltà quando la performance aziendale è inadeguata o in declino:

  • il volume dei ricavi non cresce quanto crescono i costi;
  • l'azienda non dà utili o genera perdite;
  • diminuisce la quota di mercato;
  • aumenta l'indebitamento;
  • diminuisce la liquidità.

E questi sono i "sintomi " di una possibile crisi aziendale, ma nulla dicono delle "cause" della crisi stessa.

Pertanto, a nulla valgono i tentativi di spiegazione quali:

"il mercato è in crisi"...
... in realtà, in ogni settore ci sono aziende che guadagnano e prosperano.

"l'azienda è impegnata in investimenti importanti destinati a dare i propri frutti in futuro"...
...e se lo scenario dovesse mutare?
Se i frutti dovessero tardare a venire?

"il costo della nostra mano d'opera non è concorrenziale con quello dei Paesi emergenti"…
...Siamo sicuri dell'efficienza della nostra organizzazione?
E ancora, siamo consci di aver scelto di competere sul piano del prezzo?

"il costo del denaro è troppo elevato"...
...E se il peso eccessivo degli oneri finanziari fosse una conseguenza e non una causa?

La corretta diagnosi

Non bisogna fermarsi a quei sintomi...

Il primo passo indispensabile, per il superamento di un momento di difficoltà o di una vera e propria crisi, è quello di una corretta diagnosi.

Attraverso opportune e specifiche metodologie di analisi, si possono individuare le vere cause delle difficoltà, nonché il profilo della severità della crisi.

A questo proposito, è fondamentale poter identificare se le difficoltà si riferiscano a:

  • performance inadeguate, attraverso il confronto tra i risultati attuali dell'azienda e quelli storici;
  • performance in declino, rispetto all'andamento dei concorrenti e, più in generale, del settore di appartenenza dell'impresa.

Qualsiasi piano di risanamento deve inoltre considerare la durata della situazione di crisi ed il livello di deterioramento degli equilibri economici e finanziari dell'azienda..
Questo, per poter pianificare interventi che siano realisticamente sostenibili.

I modelli d'intervento

La letteratura e la pratica aziendale propongono un gran numero di modelli e schemi a supporto della gestione della crisi aziendale.

A nostro avviso, è fondamentale evitare generalizzazioni ed approcci standardizzati. Infatti, ogni azienda è diversa per struttura, posizione sul mercato e, soprattutto, per cultura imprenditoriale e manageriale.
Ciò suggerisce un approccio contingente, specifico, caso per caso.

Il piano di risanamento può coivolgere non soltanto gli aspetti operativi della gestione, ma investire anche quelli strategici, relativi alla scelta dei mercati di riferimento ed alla strategia competitiva dell'azienda, rispetto ai concorrenti.

In generale, dal punto di vista operativo, i primi interventi da realizzare hanno come obiettivo il recupero di efficienza nel breve periodo. Essi possono riguardare il ridimensionamento dei costi di struttura e, ove possibile, il disinvestimento di attività non strategiche o non più remunerative. Ciò, con l'obiettivo di riportare l'azienda al livello di "break even" (situazione di pareggio economico).

Ulteriore aspetto prioritario da pianificare è quello relativo all'equilibrio finanziario (situazione dell'indebitamento e dei flussi di cassa). Questo, per bloccare l'erosione della liquidità e ripristinare le condizioni minime, necessarie per la sopravvivenza dell'azienda.

» BUSINESS PLAN / PIANO INDUSTRIALE


Nella maggior parte dei casi, i suddetti interventi di tipo operativo non sono sufficienti a garantire la continuità dell'azienda nel medio-lungo periodo.
Al contrario, in assenza di un significativo ripensamento anche dell'approccio strategico, essi rischiano di ridursi a meri provvedimenti "tampone", con il rischio di spostare soltanto nel tempo l'epilogo della crisi.

Un processo sistematico di risanamento e rilancio coinvolge necessariamente il ripensamento della strategia competitiva aziendale.

Ciò significa riallineare il "sistema-azienda" ai cambiamenti intervenuti sul mercato e può comportare scelte radicali di innovazione di prodotto, del processo produttivo, del marketing e delle politiche commerciali.
Questo per concentrare l'attenzione su ciò che l'organizzazione sa fare meglio (core business), sfruttando a pieno le specifiche capacità disponibili (know how), senza disperdere energie e risorse.
Il processo di riposizionamento, pertanto, ha l'obiettivo di ritrovare il "fulcro o focus strategico" dell'azienda, al fine di indirizzarne le energie per un risanamento che ne garantisca la continuità.

» IL RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO


Infine, il riposizionamento strategico si traduce inevitabilmente in cambiamento organizzativo.

I principali ostacoli che si frappongono alla realizzazione del cambiamento sono i possibili limiti della cultura aziendale (competenze manageriali, organizzative, tecnologiche, ecc.),
L'estensione di tale cambiamento dipende dalle situazioni:

  • molto spesso comporta il ripensamento di ruoli, funzioni e responsabilità;
  • esso può anche richiedere il rinnovamento o l'integrazione del management aziendale, per affrontare le nuove sfide ed introdurre nuove competenze;

Da questo punto di vista, è indispensabile non trascurare le difficoltà connesse alle inevitabili "resistenze al cambiamento". Tuttavia, l'esistenza di un progetto chiaro e condiviso, fornirà sempre il riferimento comune a cui riportare i comportamenti distorti.

» GESTIRE IL CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO


Contattaci, senza impegno...

Le nostre notizie

NEWS dallo Studio Barale

I vostri quesiti

L'Esperto risponde

Speciale P.M.I.

PratiCOnsulente - Consulenza aziendale per le PMI

Social...

Segui Studio Barale su Facebook
Studio Barale - Consulenza aziendale